Switch Language

I falsi miti della flessibilità lavorativa

L’Università degli Studi di Milano-Bicocca, in occasione di BookCity Milano, presenta: I falsi miti della flessibilità lavorativa. Gli effetti transgenerazionali dei contratti flessibili.

Sabato 19 novembre
dalle ore 18.00 alle ore 20.00

Con: Riccardo Bonato (autore de La famiglia flessibile), Franca Bimbi (sociologa della famiglia), Angelo Salento (sociologo del diritto)
Modera: Enzo Mingione (sociologo del lavoro Università degli Studi di Milano-Bicocca).

presso Mare Culturale Urbano, Via Giuseppe Gabetti, 15.

Maggiore occupazione, capacità di aiutare i giovani a inserirsi nel mondo del lavoro e una più elevata produttività del sistema-Paese sono solo alcuni dei poteri taumaturgici attribuiti dai mass-media alla flessibilità lavorativa. Le storie di vita dei lavoratori “flessibili” raccontano qualcosa di diverso: professionalità altamente qualificate con una retribuzione al di sotto del limite di sopravvivenza; lavoratrici costrette a posticipare la maternità per paura di perdere il posto di lavoro; uomini e donne senza un’identità lavorativa che possa dare loro dignità di fronte alla società. La letteratura economica, sociale e giuridica – frequentemente con analisi transdisciplinari – ha da tempo messo in luce anche le implicazioni meno accettabili della progressiva flessibilizzazione del mercato del lavoro. Ne parliamo con Riccardo Bonato, autore de La famiglia flessibile (Franco Angeli, 2016) presso gli spazi di Mare Culturale Urbano in via Gabetti, 15 a Milano, che collabora alla realizzazione dell’incontro.


Scopri le prossime attività

Rimani aggiornata/o

Viaggia attraverso i progetti realizzati

Scopri via Novara 75