Switch Language

timeline

è iniziata una storia di accadimenti successivi, piccoli e grandi, che insieme rendono possibile l’impossibile: il mare a Milano.

Inaugurazione di via Novara 75, un nuovo luogo di cultura per la città di Milano con cinema, teatri, sale prova, spazi espositivi, studi di registrazione, ristorante, bar.
Riqualificazione del verde pubblico adiacente il nuovo edificio di via Novara 75.
Avvio del ciclo di curatele artistiche per il teatro, la danza, la musica, le arti visive e la cultura digitale.
Prima programmazione artistica negli spazi di via Novara 75.
Avvio di un nuovo ciclo di attività di progettazione con il territorio.

Apertura del cantiere per il nuovo edificio in via Novara, 75.

/ marzo

mare culturale urbano e il Comune di Milano presentano in conferenza stampa a Palazzo Marino il progetto del nuovo centro di produzione di zona sette, in occasione di “il mare a milano: ovvero sei giorni di presentazione di mare culturale urbano alla città in Triennale Expo Gate”, dal 15 al 20 marzo: 6 giorni  di tavoli di lavoro, esposizione del plastico di via Novara 75, video installazioni, laboratori, aperitivi, degustazioni e dj set.

/ aprile 

#costruirelimprovviso: un laboratorio di 3 mesi verso l’apertura di mare culturale urbano in Cascina Torrette di Trenno, un’officina aperta realizzata da constructLab.

/ maggio 

Apertura al pubblico della cascina Torrette di Trenno, con sale prova per musica e arti performative, spazio coworking, spazi dedicati alle attività socio culturali in sinergia con le associazioni del territorio, una cucina popolare con birreria artigianale, 500 mq di corte, un bookshop diffuso. 

/ giugno – settembre

mare realizza la seconda stagione estiva negli spazi di Cascina Torrette di Trenno con appuntamenti di musica dal vivo, cinema all’aperto, spettacoli di teatro, danza e circo contemporaneo, ballo liscio e tango.

/ luglio

Presentazione di zona sette mon amour, manuale di attivazione urbana, atto di City on the Move con cui sono stati raccolti dati sulla composizione sociale, la situazione abitativa e lavorativa degli abitanti di Zona 7, per ispirare le attività future di mare.

/ febbraio

Lo spazio prende forma. Investire Immobiliare sgr apre il cantiere per il restauro conservativo di Cascina Torrette di Trenno.

mare entra a fare parte di Trans Europe Halles, Impact hub e European Innovation e delle reti italiane RENA, Conciliamilano e Milano Sharing City.

/ aprile

Nasce f***ing good talent, seconda azione di city on the move e primo talent show incentrato sull’idea di ripensare il lavoro e il futuro.

mare lancia una campagna teaser visionaria, mare per tutt*!, sotto le spoglie di un comitato di cittadini/e che vuole portare il mare a Milano. Migliaia di cartoline di mare a Milano vengono distribuite in città.

Online il sito maremilano.org: vengono diffusi oltre 400 collage visionari del mare a Milano prodotti dalla comunità online grazie al generatore #maremilano sul sito.

In occasione del Fuori Salone, mare organizza la mostra Se a Milano ci fosse il mare, in collaborazione con Careof C/O e il Comune di Milano, presso la Fabbrica del Vapore.

Continua il lavoro con il comitato organizzativo della festa di Quarto Cagnino per la seconda edizione programmata per il 27 settembre 2015.

mare ottiene dall’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Milano l’uso del giardino della scuola di via Fratelli Zoia, un luogo simbolico per il quartiere, e organizza la prima stagione estiva “dopo andiamo al mare?”.

/ giugno

mare firma la convenzione con il Comune di Milano per la concessione ad uso gratuito per 30 anni del lotto di terreno in via Novara 75.

/ settembre

Prende avvio Il futuro era ora!, la terza azione di city on the move per la scuola elementare di via Paravia.

/ ottobre

mare, con la collaborazione tecnica di MOZE, progetta la piattaforma di crowdfunding civico Wiceversa. 

/ aprile

Il comune di Milano lancia il bando per l’assegnazione di uno spazio abbandonato in via Novara 75 da destinare ad attività artistiche, sociali ed educative.

Nasce mare s.r.l. impresa sociale.

/ maggio

mare partecipa al bando del Comune di Milano.

Incontra Fondazione Housing Sociale e Investire immobiliare (ex Polaris sgr), promotori di “Cenni di cambiamento” e in cerca di un operatore culturale e sociale per far rivivere gli spazi di cascina Torrette di Trenno.

/ giugno – agosto

La prima curatela ad impatto sociale: Cohabitation Strategies e Landscape Choreography avviano per mare il programma city on the move.

Vengono avviate le prime collaborazioni artistiche con Balletto Civile, Construct Lab e Ludwig Officina dei Linguaggi Conteporanei.

Nasce R come repubblica la prima azione di city on the move.

mare collabora con il comitato organizzativo della festa di Quarto Cagnino e ne guida la parata in quartiere.

/ luglio

mare vince il bando del Comune di Milano e ottiene la concessione del terreno di via Novara 75.

mare impresa sociale è iscritta nel registro speciale dalla Camera di Commercio come start up innovativa a vocazione sociale.

/ settembre

mare prende in gestione la cascina Torrette di Trenno in via Gabetti 15.

La Commissione Europea seleziona mare per la piattaforma europea Smart Cities and Communities.

mare realizza con l’autore e musicista Daniele Diamante un workshop intensivo di scrittura creativa per i giovani del quartiere che si conclude allo Studio 89 con una live performance rap.

/ ottobre

Il team di mare cresce, aggregando 14 professionisti.

/ novembre

mare sposta il suo ufficio dal co-working di Impact Hub a via Gabetti 15 all’interno di “Cenni di Cambiamento”, accanto a Cascina Torrette di Trenno

mare partecipa al bando Edison Start con Wiceversa, la prima piattaforma per il crowdfunding civico delle periferie urbane. il progetto, presentato nella categoria “Smart Communities”, è stato selezionato tra i 30 finalisti su oltre 840 progetti presentati in tre categorie.

/ dicembre

mare, grazie a Fondazione Cariplo, affitta due appartamenti per residenze artistiche a Figino, nel nuovo progetto di Fondazione Housing Sociale.

… nel 2013, nasce l’idea di creare mare, un luogo che a Milano non c’è.